Il bambino il grande assente. Il convegno della LUMSA raccontato da Costanza Miriano

Il bambino il grande assente nel dibattito sull’utero in affitto

Estratti dal blog di Costanza Miriano

Leggi l’articolo nella versione integrale: https://costanzamiriano.com/2019/04/11/il-bambino-il-grande-assente-nel-dibattito-sullutero-in-affitto/

In tutta la discussione secondo me sfugge sempre il centro della questione: i bambini hanno un padre e una madre, e hanno diritto a crescere con loro. Gli uomini e le donne non hanno diritto a un figlio. I figli sono un regalo immenso che però può anche non arrivare, e nessuno ha il diritto di prenderselo.

E’ questo il punto che non viene mai nominato. Quasi mai, a dire il vero, perché ieri alla Lumsa si è tenuto un bel convegno che avrebbe dovuto essere preso d’assedio dagli uomini e dalle donne di buona volontà, e invece purtroppo è stato quasi disertato, nonostante il livello di eccellenza dei relatori. Già il titolo del convegno lasciava presagire che sarebbe valsa la pena di andare. “Nascere da madre surrogata”: dunque una buona volta il punto di vista è quello del bambino. Finalmente.

Come ha detto lo psicologo Giampaolo Nicolais, non importa poi come staranno i bambini nati dall’utero in affitto, o quelli separati da un genitore biologico. L’essere umano è resiliente, e come si sopravvive a genitori abusanti o maltrattanti, ce la si può cavare in qualsiasi situazione. Il problema è che noi non possiamo soddisfare i nostri desideri pensando che i bambini se la caveranno, noi dobbiamo rispettarli, rispettare i loro diritti fondamentali, e anteporli ai nostri desideri. E’ la base della civiltà.

Noi non siamo solo prodotto della nostra cultura – cogito ergo sum – noi siamo anche natura, cioè noi siamo nature and nurture si è detto al convegno. E la natura la riceviamo, non ce la diamo da soli e non la possiamo dare.

Questo patrimonio è scritto nei nostri geni e si plasma nel grembo materno. Questi due elementi, patrimonio genetico materno e paterno, e dialogo col corpo materno, sono incancellabili dalla nostra storia.

Un bambino sente il battito della madre, ne riconosce la voce, le carezze, il latte (appena nato distingue un batuffolo imbevuto di latte della mamma da quello di un’altra donna). Un bambino ha bisogno del padre e di conoscere la propria storia, di cui è erede.

Un bambino non è un diritto anche se l’infertilità è ormai un problema generazionale, legato ai nostri stili di vita, come ha ricordato Daniela Bandelli, che sta conducendo uno studio su casi di maternità surrogata in vari paesi del mondo.

Dell’orrore nascosto nei contratti che le madri surrogate firmano ha raccontato Jennifer Lahl, che è stata la prima a sollevare il velo sulle sofferenze che sconvolgono le vite di tante madri surrogate: dolore, malattia, morte, abbandono totale nel caso che le cose vadano male. Donne disperate: non tutte, ma molte, che a volte vagano anni all’affannosa (e vietata dai loro contratti) ricerca di notizie dei bambini che hanno portato in grembo, come ha raccontato Monica Ricci Sargentini, da sempre in prima fila in questa battaglia.

Che qualcuno sveli una buona volta “di che lacrime grondi e di che sangue” la realizzazione di un desiderio che la natura non ha permesso di compiere.

 

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s